L’arte… questa sconosciuta

Mi sono sempre chiesto cos’è che spinge l’artista a raffigurare qualcosa su una tela, o meglio… il sottile filo immaginario che permette di collegare cuore, mano, pennello e colore.

Bhe, oggi sono riuscito a seguire – ascoltare – l’arte umana!

Posso dire che è un’emozione vedere l’artista che cerca di entrare nel quadro, non per prenderne possesso, ma semplicemente per cercare di imprimerne i propri pensieri, perché in quella stanza lui è solo, in compagni della sua anima e del suo cuore.

Non è un “copiare” da un’immagine o da un panorama, è un sintonizzarsi nelle stesse frequenze della tela, per poter così esserne una cosa unica.

L’incredibile – se viene percepito da chi osserva l’opera – è il poter comprendere uno stato d’animo che l’artista ha trasmesso in una pennellata/spatolata…

Sarà banale, ma oggi ho capito che l’arte non ha confini!!

E lo ho capito con le emozioni!!

La stanza dell'artista (Luca Mares)

L'elaborazione è sentimento (Luca Mares)

L'artista entra e fa parte del quadro (Luca Mares)

L'arte nella fase creativa (Luca Mares)

Un quadro firmato "Wlach" (Luca Mares)

Leave a reply

Your email address will not be published.